Seleziona una pagina
La lezione di Dr House: cinismo o verità?

La lezione di Dr House: cinismo o verità?

Ho lasciato trascorrere troppo tempo, scrivendo ma non qui. Intanto però ho ricominciato dalla prima puntata e dalla prima stagione “Dr House. Medical division”. Il bello delle serie televisive, come delle saghe o delle collane di romanzi, è che puoi...
Una vita a teatro. Con Maria Luisa Minarelli

Una vita a teatro. Con Maria Luisa Minarelli

Leggo Maria Luisa Minarelli e mi viene nostalgia. I suoi romanzi, pubblicati da Amazon e disponibili su Kindle, sono gialli che raccontano di crimini efferati, piccolezze dell’animo umano, ma con una grazia da nobildonna, con uno sguardo condiscendente, che non perdona ma comprende.

Elenchi e serpenti, cose da bullet journal

Elenchi e serpenti, cose da bullet journal

Se c’è una cosa che mi rilassa è vedere le trasmissioni in tv in cui sistemano, colorano, costruiscono, riordinano le case.
Prima si guarda, si progetta, poi si distrugge per ricostruire, in modo nuovo e secondo un’idea.

Il potere dell’imitazione e del lettering

Il potere dell’imitazione e del lettering

Nella mia classe, l’anno scorso, hanno scoperto il “lettering”, cioè l’arte di curare la scrittura. Non posso parlare di calligrafia, perché non è ancora compiuto il percorso che, in tre anni di scuola secondaria di primo grado, ha condotto a temi quasi del tutto leggibili. La capacità di tenere penna e matita in mano sembra, oggi, una conquista, non tanto per il prevalere dell’uso della tastiera del computer o quella touch del telefonino, ma perché manca proprio l’abitudine a farlo.

La paura e la fiducia, non sono solo fiabe e Carlos Ruiz Zafon lo sa

La paura e la fiducia, non sono solo fiabe e Carlos Ruiz Zafon lo sa

È tutta colpa di Vladimir Propp, che ha insistito per trovare una radice comune ai racconto popolari. Partendo da più di cento storie, ha descritto nella sua “Morfologia della fiaba” il modo in cui i buoni vengono messi in difficoltà, quasi eliminati e poi salvati per un (apparente) lieto fine. E quindi poi è stata anche colpa di Claude Lévi-Strauss e Roland Barthes, che da Propp hanno largamente attinto.

Chi è, davvero, il mostro? Ce lo dice J.K. Rowling

Chi è, davvero, il mostro? Ce lo dice J.K. Rowling

«C’era un re…». Mi verrebbe voglia di iniziare così, come nelle fiabe, e nelle filastrocche dispettose dell’infanzia: «c’era un re, seduto sul sofà, che disse alla sua serva: “Raccontami una storia!” E la serva incominciò: “C’era un re…”». Anche qui c’è un re, si chiama “Teo il Temerario” e in effetti un po’ temerario lo è. Lo troviamo nel “libro della quarantena” J.K. Rowling, quello dal titolo più strano di tutti: “L’Ickabog”.

Lettere, mail, schermi: “metti la cera, togli la cera”. Se Marshall McLuhan sapesse…

Lettere, mail, schermi: “metti la cera, togli la cera”. Se Marshall McLuhan sapesse…

Imparare a distanza è un’azione che si è compiuta spesso. Le lettere dei precettori ai loro pupilli, le lettere degli studenti agli amici per riceverne consigli e correzioni. Ugo Foscolo, sedicenne, scrive all’amico Gaetano Fornasini per farsi correggere alcune poesie. Ettore Majorana segue attraverso le sue lettere la formazione dell’allievo Rolando Pelizza. Seneca scrive a Lucilio perché gli esempi di vita possano essere per lui guida pedagogica.

La saggezza di Gabo. I racconti secondo Gabriel Garcia Marquez

La saggezza di Gabo. I racconti secondo Gabriel Garcia Marquez

Ci sono quei libri che ti chiamano. Passi tra i tavoli, le bancarelle, gli scaffali, e ti chiamano. Allora ti fermi con l’aria un po’ supponente, prendi il libro e lo rigiri, cercando un buon motivo per tornare a cercare qualcosa di più intrigante. La copertina, non va… Nella quarta c’è solo una citazione… Però il titolo è di quelli che ti catturano. Devi aver quel libro, metterlo sul comodino, leggerlo in un momento speciale, gustando fino all’ultima emozione.

La conoscenza condivisa e Zootropolis

La conoscenza condivisa e Zootropolis

Ho riguardato “Zootropolis”. Si tratta di un cartone animato, in cui i buoni vincono sui cattivi, ma chi sono davvero i “cattivi”? Mi è tornata in mente una delle mie letture da comodino di questo momento: “La classe come comunità di apprendimento”. E anche un po’ “Castle”, la serie tv con gli affascinanti Nathan Fillion e Stana Katic.